Questo sito utilizza cookies per gestire autenticazione, navigazione e altre funzioni.
Navigando questo sito ti dichiari favorevole all utilizzo di questi cookies sul tuo dispositivo.
Accetti i Cookies?

Definitosi egli stesso pittore senza etichette, la sua ispirazione nasce da Klee e Mirò, ma anche da quegli artisti che recensì e seguì, fra i quali Capogrossi, Fontana e Scialoja, oltre che da istanze espressioniste e surrealiste che rivendicano il potere del sogno, dell'inconscio, della libertà gestuale e segnica che deve essere intrinseca all’espressione contemporanea.

Già presente nella nostra Galleria, nel contesto della grande mostra “Luna e l'altra. The art side of the moon”, dedicata allo sbarco dell’uomo sulla luna, nel suo quarantesimo anniversario, con questa importante esposizione personale intendiamo oggi indagare a fondo il suo desiderio, quasi una sorta di rapimento, prima tenuto segreto, poi ad alterne riprese esposto e dichiarato, per la pittura.

Una passione che, unita alle sue molteplici identità di estetologo, di critico dell’arte e della società, ma anche, come è noto, di laureato in medicina e psichiatra, lo rende figura trasversale del Novecento, capace di unire conoscenze disparate e di fonderle in un linguaggio espressivo denso di rimandi e di riflessioni.

Dagli esordi metafisico-surreali all’adesione al Movimento Arte Concreta nel decennio 1948-1958, fino alle opere più recenti, realizzate tra gli anni Ottanta ed…oggi, caratterizzate da un ritorno alle forme organiche in composizioni cariche d’ironia e di energia.

Dopo la mostra antologica allestita nella prestigiosa sede di Palazzo Reale a Milano, l’esposizione che presentiamo in Galleria vuole puntare l’attenzione sulla freschezza linguistica e sulla ricchezza semantica di una ricerca pittorica che “non dimostra gli anni che ha il suo artefice”, nato nel 1910 a Trieste e tuttora vivace protagonista della cultura internazionale, dai salotti di primo novecento ai talk show ai vernissage contemporanei.

Non poteva mancare, come è oramai nostra tradizione, a completamento della mostra la presentazione di un catalogo ricco di immagini e fotografie che ritraggono e raccontano le sue vicende creative e biografiche, ulteriormente approfondite dall’esclusiva intervista su DVD, occasione unica per entrare nelle pieghe di un Gillo Dorfles che ancora riserva sorprendenti intuizioni e affascinanti potenzialità per collezionisti e appassionati d’arte.

Seguiteci…

 

COLOSSI ARTE CONTEMPORANEA
Corsia del Gambero, 13 - Brescia
tel. +39 0303758583 
cell. +39 3389528261
info@colossiarte.it
Partita IVA 02650730985
 
orario di galleria: da martedì a sabato
10 -12 / 15 -19
 domenica su appuntamento
 
lunedì chiuso

angamc 51991