Questo sito utilizza cookies per gestire autenticazione, navigazione e altre funzioni.
Navigando questo sito ti dichiari favorevole all utilizzo di questi cookies sul tuo dispositivo.
Accetti i Cookies?

CHIARImenti

Gli anni Sessanta e Settanta si rifrangono ed illuminano ora delle luci stroboscopiche applicate nelle esperienze psichedeliche e nelle interazioni con la musica elettronica (Alberto Biasi), ora nel contesto della ricerca artistica legata alle esperienze del lettering e delle icone pop (fino alle nuove generazioni, Francesco De Molfetta e Bonomo Faita); segno portatore di un significato ambiguo o tautologico è invece la luce nelle indagini concettuali, ben rappresentate da un’opera storica di gg8mseph Kosuth; mentre da qui partono e sfociano in un’acida critica, debitrice anche di certa iconografia pop, i lavori di due artisti Fluxus, Ben Patterson e Philip Corner.

La mostra prosegue attraverso quella generazione di artisti che, nati attorno agli anni Cinquanta, meditano sulle ricerche pop e concettuali: Adolfo Lugli affronta la luce come segno e comunicazione; Beppe Bonetti con le sue “Luci metarazionali” scava e affonda, fra tensioni suprematiste e liriche di neon, nella pura sensibilità plastica delle forme geometriche, senza mai dimenticare l’importanza dello spettatore quale fruitore e artefice esso stesso di Gestalt; Eros Bonamini misura i principi universali del tempo e dello spazio incidendo metalli che la luce congela in sequenze di attimi; Giorgio Laveri, esponente di punta del Movimento Artistico Mediterraneo, confronta la calda, densa luminosità della ceramica con i freddi riflessi di una luce artificiale.

D’altra parte, la presenza spirituale di Lucio Fontana risuona nell’ambiente a fibre ottiche di Carlo Bernardini, mentre Barbara De Ponti presenta un progetto che intreccia l’uso di elementi diversi, fra profondità e superficie, architettura e pittura, impiegando carta da spolvero, plexiglas e neon.

Queste sono solamente alcune delle tematiche e delle suggestioni che CHIARIMENTI “mette in campo”, dimostrando la loro continuità fino ai linguaggi artistici elaborati dalle nuove generazioni, per antonomasia immerse in un contesto fortemente tecnicizzato e digitalizzato, e per scelta (o per necessità?) destinate a cercare nuove possibilità di significato e diverse forme estetiche attraverso il confronto con i nuovi media espressivi (Charlotte Cullinan + Jeanine Richards (ART-LAB); Cuoghi & Corsello;Marco De Luca; Massimo Liotti; Laura Ambrosi;Christian Eisenberger; Giorgio Lupattelli; Marco Samorè).

Opere e ambienti, forme e luci, ospitate nello spazio espositivo di Villa Mazzotti di Chiari che, per la sua storia e le sue splendide sale, permetterà di suggerire inedite relazioni estetiche ed ulteriori livelli di lettura alle opere esposte.

Ecco spiegata un’altra chiave di lettura del titolo: CHIARIMENTI vuole infatti essere anche un omaggio alla città di Chiari, al suo Assessorato alla Cultura da oramai tre anni generoso organizzatore di esposizioni primaverili d’arte contemporanea allestite in affiatata collaborazione con la Galleria Colossi Arte Contemporanea; una collaborazione che quest’anno si arricchisce dell’importante contributo di AIFIL, Associazione Italiana Fabbricanti Insegne Luminose che ha saputo leggere in questo progetto espositivo un affascinante momento di riflessione e di indagine sulle potenzialità dei propri prodotti e progetti di luce nel campo – intrigante ed inesauribile – dell’arte contemporanea.

 

COLOSSI ARTE CONTEMPORANEA
Corsia del Gambero, 13 - Brescia
tel. +39 0303758583 
cell. +39 3389528261
info@colossiarte.it
Partita IVA 02650730985
 
orario di galleria: da martedì a sabato
10 -12 / 15 -19
 domenica su appuntamento
 
lunedì chiuso

angamc 51991