Questo sito utilizza cookies per gestire autenticazione, navigazione e altre funzioni.
Navigando questo sito ti dichiari favorevole all utilizzo di questi cookies sul tuo dispositivo.
Accetti i Cookies?

Strappi alla regola

Strappi alla regola, ovvero meditate provocazioni concettuali sortite lungo i percorsi dell’arte, accelerazioni creative e fughe in avanti del pensiero e del gesto, traiettorie inedite pronte a tagliare la strada alla solitudine dell’Informale, alle angosce dell’Espressionismo, alla monotonia dell’Astrazione.

Cinque artisti che, riscoprendo la realtà contemporanea, seppero rivelare se stessi e la loro creatività.

“…Non abbiamo scoperto i manifesti strappati, ci siamo scoperti in essi”, dichiaravano negli anni Sessanta Villeglè, Hains e Dufrêne, sbirciando il pubblico incantato dalle loro opere ottenute a forza di lacerazioni, strappi esecutivi, provocazioni della forma e del linguaggio: reperti di un’archeologia del futuro, mappe di città dissotterrate, ricordi di una civiltà delle immagini incandescente e mutevole.

Intanto, Mimmo Rotella sperimentava tutte le tecniche possibili per sottoporre la propria realtà di immagini, ad un incessante miracolo metamorfico, passando dal décollage all’artypo, dalla tela emulsionata all’effaçage alla totale copertura dei suoi manifesti, detta blank.

Erano, infine, gli anni in cui Daniel Spoerri, ballerino, regista, poeta, artista a 360°, realizzava i Tableau piege, destinati a divenire vera e propria cifra creativa della sua opera: trappole del tempo, momenti rubati ad un incontro conviviale, ad un brindisi di festa, nature morte del XX secolo, cariche di nostalgia ed ironia, provocazioni svelate dalla trasparenza di un bicchiere, annegate nel fondo di un piatto, nel blu segreto di una tavola dimenticata.

Queste sono solo alcune delle suggestioni che la mostra della Galleria Colossi Arte saprà suscitare nel pubblico, attraverso un’accurata, quanto appassionata, selezione di oltre quaranta opere, destinate ad offrire un importante omaggio al Nouveau Réalisme, grande corrente dell’arte contemporanea del secondo dopoguerra, fondata dal critico Pierre Restany e destinata a diventare movimento-faro della scena europea: “una sorta di confraternita", come lo definiva Hains, alla quale solo le più grandi istituzioni museali europee hanno saputo dedicare esposizioni approfondite, basti pensare alla recentissima rassegna conclusasi a luglio presso il Grand Palais di Parigi.

Ben venga, allora, Strappi alla regola: un viaggio intrigante e a perdifiato lungo le opere di cinque, dissacranti poeti della realtà di tutti i giorni, disvelatori del quotidiano più intimo ed insieme universale, ora graffiante ora sospeso nella magia dell’arte e nell’energia della creazione.

 

COLOSSI ARTE CONTEMPORANEA
Corsia del Gambero, 13  BRESCIA
tel. +39 0303758583 
cell. +39 3389528261
Partita IVA 02650730985
 
orario di galleria: da martedì a sabato
10 -12 / 15 -19
 domenica su appuntamento
 
lunedì chiuso

angamc 51991