Questo sito utilizza cookies per gestire autenticazione, navigazione e altre funzioni.
Navigando questo sito ti dichiari favorevole all utilizzo di questi cookies sul tuo dispositivo.
Accetti i Cookies?

Vincenzo Todaro. Ti presento...

Nelle opere dell'artista, l'identità riaffiora come emozione cristallizzata nel tempo in un istante unico e prezioso.

L'occhio dello spettatore, abituato all'immediata riconoscibilità delle immagini veicolate dal linguaggio comunicativo della società di massa, vaga alla ricerca di un soggetto riconoscibile, identificabile secondo la logica razionale dei paradigmi con cui percepiamo la realtà, cioè attraverso i tratti distintivi dei soggetti ritratti, ma senza risultato...

Sorge spontaneo l'impulso a ricreare un contesto emozionale a queste immagini affascinanti, a queste storie dimenticate, così lontane nel tempo e nello spazio, cercando di intuirne la provenienza e la collocazione temporale. Con le sue studiate lacune, dove gli uomini perdono le loro sembianze anche nel ricordo lasciato impresso nella pellicola fotografica, traccia della realtà definita dalla luce, Todaro si ripropone di risvegliare i nostri sensi, assuefatti dagli irrefrenabili impulsi dello schiamazzo comunicativo della società contemporanea...i personaggi colti dall'artista si rifugiano così in un passato indefinito.

La mancanza del volto offre nuovi stimoli percettivi in grado di riattivare la nostra capacità di osservazione in un coinvolgimento profondo che ci porti a sondare quell'aura di mistero che avvolge i suoi profili, non necessariamente a riconoscerli secondo categorie cognitive universalmente riconosciute.

Distruggendo il rassicurante binomio identità-volto, la presenza umana si riduce ad un accessorio dello spirito del luogo rappresentato, accentuando l'indeterminatezza di questi fotogrammi. Nei volti vuoti dell'artista ognuno di noi può riconoscersi, rispecchiarsi, ritrovare una somiglianza, una prossimità con alcune situazioni della sua vita, abbandonando la propria maschera “pirandelliana”, confondendosi nelle foto vintage in tanti tasselli di memoria comune, per diventare “uno, nessuno e centomila”, citando il titolo del romanzo del suo conterraneo Luigi Pirandello.

Todaro ci fa cogliere l'impressione della presenza umana definendola attraverso il paesaggio che la circonda oppure con particolari come i vestiti, la capigliatura, la posa e costruendo intorno ai suoi personaggi un contesto che assume i tratti sfumati del ricordo, della memoria, della reminiscenza improvvisa di una situazione prossima, personale a seconda delle declinazioni personali che può assumere...

Se non può riconoscere le persone attraverso tratti somatici, chi osserva è stupito di ritrovarsi in una circostanza di vissuto che riaffiora da un patrimonio infinito di momenti di convivialità in cui ognuno di noi può riconoscersi.

Nei suoi AnThROPOS i dettagli asportati vengono ricomposti in teche da museo naturalistico; volti riuniti in una sorta di catalogo delle tipologie umane, simile a quello stilato dal medico e antropologo ottocentesco Cesare Lombroso che associava determinati tratti somatici a tipologie comportamentali precise, a caratteristiche della personalità.

Seguiteci...

 

COLOSSI ARTE CONTEMPORANEA
Corsia del Gambero, 13  BRESCIA
tel. +39 0303758583 
cell. +39 3389528261
Partita IVA 02650730985
 
orario di galleria: da martedì a sabato
10 -12 / 15 -19
 domenica su appuntamento
 
lunedì chiuso

angamc 51991