Questo sito utilizza cookies per gestire autenticazione, navigazione e altre funzioni.
Navigando questo sito ti dichiari favorevole all utilizzo di questi cookies sul tuo dispositivo.
Accetti i Cookies?

Franccesca Pasquali finalista del Premio Fondazione Henraux

I quattro progetti giunti in finale sono stati accuratamente selezionati tra i 22 di altri artisti di fama internazionale che hanno aderito al contest bandito dalla Fondazione Henraux, già vagliati tra i 68 pervenuti da tutto il mondo, dall'Accademia dell'Altissimo, formata da esponenti di rilievo nazionale e internazionale nel campo dell'arte, dell'architettura, della cultura, del collezionismo e del giornalismo. Ai quattro finalisti è stata offerta, secondo la formula della “residenza d'artista”, la possibilità di usufruire nei mesi di giugno e luglio, delle maestranze, dei laboratori e delle avanzatissime tecnologie di sui dispone lo stabilimento della storica azienda Henraux S.p.A. di Querceta (Lucca), una delle più dinamiche e all'avanguardia nel settore dell'estrazione e della lavorazione del marmo, per realizzare le loro opere in formato monumentale. L'azienda è stata fondata nel 1821da Monsieur Jean Baptiste Alexandre Henraux, Soprintendente Regio alla scelta e all'acquisto dei marmi bianchi e statuari di Carrara per i monumenti pubblici della Francia Napoleonica, giunto in Versilia nel 1820 per fare risorgere, dopo un periodo di abbandono nel '600 e nel '700, l'antico progetto di Michelangelo Buonarroti: cavare e rifornirsi dello statuario del Monte Altissimo preziosissimo e nobile marmo, composto da carbonato di calcio purissimo.

Il grande artista aveva intuito le potenzialità racchiuse in questo incredibile materiale racchiuso nella montagna dell'Altissimo “di grana unita, omogenea, cristallina, e ricorda lo zucchero”, come lo definiva lui stesso; per questo, dopo avere ricevuto, nel 1518, da papa Leone X (Giovanni de Medici) l'incarico di realizzare la facciata della chiesa fiorentina di San Lorenzo, inizia a costruire la strada che sarebbe servita a raggiungere i bacini marmiferi. Ma sfortunatamente, il 20 febbraio 1520 il Leone X lo sollevò dalla commissione della facciata di San Lorenzo e dalla conduzione del cantiere per della costruzione della strada che portava alle nuove cave, poi completata, nel 1567, per volere di Cosimo I de Medici. Anche Francesco I de Medici aveva compreso che le cave di Seravezza costituivano un vero patrimonio.

E dal 1821 in poi i laboratori di Querceta della Henraux sono diventati un polo artistico di notevole importanza in cui veniva a rifornirsi anche Auguste Rodin.

Il Premio Fondazione Henraux, in memoria di Erminio Cidonio nasce nel 2012 per volontà di Paolo Carli, presidente della Fondazione, nata per valorizzare, attraverso progetti culturali e scientifici, la tradizione della lavorazione del pregiatissimo marmo dell'Altissimo negli ambiti della scultura, del design, dell'architettura e della decorazione, di promulgare la mission di Erminio Cidonio, storico amministratore unico della società Henraux tra gli anni '50 e '60 del '900. È stato lui a trasformare gli stabilimenti della Henraux di Querceta in un polo artistico internazionale ospitando artisti come Henry Moore, Hans Arp, Mirò, Georges Vantongerloo, Antoine Poncet, Jacques Lipchitz, Rosalda Giraldi, Isamu Noguchi e molti altri, dando inizio ad un momento di grande vitalità tutt'ora riscontrabile nei laboratori e studi di scultura di Seravezza e Pietrasanta.

In una fase storica di rilancio del settore e di nuovo interesse verso l'utilizzo del marmo nelle avanguardie, la Fondazione intende attrarre e sostenere giovani talenti nell'utilizzo del marmo per l'elaborazione di opere ingegnose nelle quali si possano coniugare e rinnovare le antiche tradizioni manifatturiere con le nuove esigenze concettuali della creatività contemporanea.

Per maggiori info, visita il sito www.fondazionehenaraux.it

COLOSSI ARTE CONTEMPORANEA
Corsia del Gambero, 16 - Brescia
tel. +39 030 3758583 
cell. +39 338 9528261
info@colossiarte.it
Partita IVA 02650730985
 
orario di galleria: da martedì a sabato 10-12 / 15-19
orario estivo: chiusura ore 18 
sabato chiuso
domenica su appuntamento
lunedì chiuso

logo angamc