Questo sito utilizza cookies per gestire autenticazione, navigazione e altre funzioni.
Navigando questo sito ti dichiari favorevole all utilizzo di questi cookies sul tuo dispositivo.
Accetti i Cookies?
  • RUDY PULCINELLI:

    rudy home tre

    Nel periodo natalizio, abbiamo invitato l'artista Rudy Pulcinelli a collocare la sua installazione monumentale nella piazzetta di Corsia del Gambero, proprio di fronte agli spazi espositivi della galleria: una scultura composta da macrolettere di tutti gli alfabeti del mondo intrecciate a simboleggiare lo spirito interculturale  e cosmopolita della società contemporanea. Guarda il video

  • MOSTRA IN CORSO:

    moto mito

    Fino al 15 gennaio 2019, potete visitare, nei nostri spazi espositivi, la mostra personale dedicata a Dario Brevi dal titolo ...altri racconti. L'artista intaglia l'MDF, Medium Density Fireboard, in addensamenti cromatici che si dipanano sulla parete in morbide sculture bidimensionali definendo iconografie dai soggetti poetici e contemporanei, in bilico tra naturale e artificiale. Per maggiori info, visita la sezione NEWS

  • EVENTO IN CORSO:

    tavola paola

    Fino al 30 dicembre, vi aspettiamo nei nostri spazi espositivi per visitare la mostra delle tavole illustrate da Paola Fratalocchi Ventura che corredano il libro Le avventure del piccolo giardiniere. Con l'acquisto di una fiaba scritta da Alberto Neri e pubblicata dalla Billy Boy Editore, aiuterete l'Associazione Essere Bambino di Brescia. Per maggiori info, visita la sezione NEWS

  • 1
  • 2
  • 3
  • 1

 

manifesto
manifesto due

 

impronteLa Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma ha richiesto l'opera Impronte (1969, retro d'affiche, 62 x 51 cm - immagine a lato) di Mimmo Rotella per l'importante retrospettiva dedicata al maestro, dal titolo Manifesto, a cura di Germano Celant, con Antonella Soldaini, organizzata per celebrare la ricorrenza del centenario della nascita dell'artista (1918-2018), in collaborazione con il Mimmo Rotella Institute, associazione culturale fondata nel 2012 per volere di Inna e Aghnessa Rotella, e la Fondazione Mimmo Rotella, nata nel 2000 per volontà dello stesso artista
 
L’esposizione si propone come la più importante e completa ricognizione scientifica sulla sfaccettata produzione dell’artista (Catanzaro, 1918 - Milano, 2006) nell'anno del centesimo anniversario della nascita e si inserisce nel circuito di manifestazioni, ideate per celebrare in tutta Italia l’importante evento in musei pubblici e in gallerie private, e realizzate con il supporto della Regione Calabria.

Noto soprattutto per l’invenzione della tecnica del décollage a partire dai primi anni Cinquanta, l’artista, nel corso della sua lunga e incisiva carriera, si è confrontato con linguaggi e tecniche eterogenee promuovendo il manifesto pubblicitario, cinematografico, politico a suo materiale d’elezione. Le opere selezionate, messe in dialogo e a confronto tra di loro nel Salone Centrale della Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma, secondo un allestimento sorprendente e inedito, permettono di costruire un percorso tra lo spettacolare immaginario dell’artista.

La città di Roma, dove Rotella si trasferisce all’inizio degli anni Quaranta, ha costituito uno snodo cruciale per la sua attività: l’ambiente culturale della capitale, animato dalle iniziative della Galleria Nazionale diretta da Palma Bucarelli in collaborazione con Giulio Carlo Argan, ha agito da propulsore per la nuova produzione artistica italiana negli anni della Dolce Vita. In particolare, grazie alla politica di acquisizione e di promozione di opere d’arte contemporanea sostenuta con vigore da Bucarelli, la collezione del Museo si è arricchita di suoi lavori seminali, confermando la centralità della figura di Rotella nell’ambito della produzione artistica del Novecento italiano.

La selezione delle opere in mostra dedica particolare attenzione a ogni tecnica concepita da Mimmo Rotella: dai primi esempi di pittura figurativa e astratta – quando, giovane, si confronta con l’avanguardia romana – si giunge ai primi décollages degli anni Cinquanta e Sessanta, nati dalla lacerazione dei manifesti prelevati dalla strada, rielaborati prima seguendo uno spirito neo- dadaista poi sempre più vicino all’emergente fenomeno pop inglese e statunitense. Se nei décollages Rotella si avvale del fronte dei manifesti, nei retro d’affiches, realizzati negli stessi anni, è il retro del poster a creare un universo visivo più astratto e materico. Parallelamente alla produzione di queste due tipologie di lavori si affiancano gli assemblages e i ready-made dove l’aspetto dadaista e duchampiano torna ad affiorare.

Seguono le tecniche fotomeccaniche, i riporti fotografici e gli artypos, che l’artista – inserendosi nell’ambito di ricerca internazionale della Mec-Art – sperimenta a partire dal 1963 e per tutti gli anni Sessanta e Settanta. Se nei riporti fotografici Rotella proietta su una tela trattata con un’emulsione fotografica delle immagini provenienti sia da sue opere sia da riviste, negli artypos si appropria delle prove di stampa scartate dalle tipografie: in entrambi i casi è la selezione a diventare centrale nel procedimento artistico.

Sempre agli anni Settanta risalgono gli effaçages e i frottages: opere suggestive, spesso contraddistinte da allusioni erotiche, ottenute trasferendo su carta le immagini tratte dalle riviste grazie all’azione di solventi chimici.
Successivamente il confronto con la tendenza minimalista porta Rotella a sperimentare sul concetto della cancellazione del messaggio pubblicitario: dal 1980 si dedica alla produzione dei blanks, un ciclo di lavori monocromi che realizza in un arco temporale circoscritto prima di tornare alla riflessione sul nuovo orientamento figurativo. Traendo ispirazione dal graffitismo nascono le sovrapitture, manifesti e décollages applicati su tela o su lamiera su cui Rotella appone un potente segno pittorico. Infine, il ritorno alla sua tecnica d’elezione, il décollage, che dagli anni Novanta e Duemila assume dimensioni imponenti utili a rielaborare le icone della società di massa, come avviene anche in un nucleo di lavori chiamati Nuove icone.

L’esposizione si arricchisce di una selezione di Poemi fonetici o epistaltici che l’artista realizza a partire dal 1949 quando, sensibile al linguaggio futurista, redige il Manifesto dell’Epistaltismo, termine da lui inventato per designare una forma performativa in cui coniuga la struttura compositiva del Jazz, basata sull’improvvisazione, a suoni onomatopeici e dialettali.

Documenti e testimonianze completano la selezione delle opere in mostra, fornendo così elementi aggiuntivi per una corretta ricostruzione del lungo e composito percorso creativo di Mimmo Rotella.

Un ampio e dettagliato catalogo accompagnerà il progetto espositivo presentando contribuiti inediti di studiosi nazionali e internazionali sui diversi temi che emergono dall’analisi dell’attività artistica di Rotella. La pubblicazione si propone come una ricognizione scientifica e altamente specialistica che intende presentare una pluralità di voci e competenze sull’attività dell’artista e sul contesto culturale in cui ha operato da protagonista. Il ricco corredo iconografico presente all’interno del catalogo agirà come una sorta di enciclopedia ideale, un dispositivo visivo in grado di sottolineare la capacità inventiva e trasformativa dell’arte di Mimmo Rotella. 

Per maggiori informazioni, visita il sito: www.lagallerianazionale.com

COLOSSI ARTE CONTEMPORANEA
Corsia del Gambero, 16 - Brescia
tel. +39 0303758583 
cell. +39 3389528261
info@colossiarte.it
Partita IVA 02650730985
 
orario di galleria: da martedì a sabato
10 -12 / 15 -19
 domenica su appuntamento
 
lunedì chiuso

logo angamc

Iscriviti alla nostra Newsletter per ricevere i nostri aggiornamenti e tutte le date delle prossime mostre