Questo sito utilizza cookies per gestire autenticazione, navigazione e altre funzioni.
Navigando questo sito ti dichiari favorevole all utilizzo di questi cookies sul tuo dispositivo.
Accetti i Cookies?

L'installazione di Rudy Pulcinelli nella piazzetta di Corsia del Gambero

Nell’installazione di Corsia del Gambero, le grandi lettere, traforate in un candido polistirolo ad alta densità, come testimonianza umana, si intersecano e si assemblano in una forma piramidale, che le connette, ma dilata i loro significati nel tempo, elevandosi con la solennità di un tempio, nella levità di una struttura sfaccettata dalla luce. La propensione alla costruzione di strutture in grado di comunicare con l’ambiente circostante deriva sia dal Diploma in Arte Applicata, come interior designer, conseguito presso l’Istituto d’Arte Policarpo Petrocchi di Pistoia nel 1990, che dagli studi di Architettura compiuti a Firenze in quegli anni. 

Come viene assemblata, la scultura può essere sfaldata e i grafemi si possono spargere a terra come sementi, assumendo diverse configurazioni a seconda dell’ambiente nei quali l’installazione viene costruita, mettendosi in una profonda relazione con esso e con lo spettatore e assumendo tantissimi volti, prospetti a seconda del punto di osservazione. La strada tracciata dai grafemi rimasti a terra è destinata a ricomporsi comunque in nuovi assemblamenti, seguendo la forza di rigenerazione che caratterizza il dialogo. La forma piramidale suggerisce che il tempo di espansione delle idee veicolate dall’accumulo provvisorio delle lettere subisca un punto apicale e successive dilatazioni, espansioni e che si creino nuovi tracciati di diffusione del messaggio di invito al dialogo e alla tolleranza tra culture. Talvolta, l’installazione diviene un mezzo per riqualificare zone urbane (È un tuo diritto, MOO. MudObjectOriented, Prato, 2014) oppure preziosi gioielli architettonici che versano in uno stato di degrado e conservare la memoria del passato: per il progetto Logos (2016), la “piramide” di grafemi è stata collocata nel presbiterio dell’Abbazia di San Giusto al Pinone, a Carmignano (Po), (XII Sec.) per permettere candore della sua costruzione di dialogare con i possenti blocchi di pietra arenaria della struttura romanica della chiesa. 

Spesso l’accumulo piramidale di lettere forgiate nel polistirolo serve a valorizzare ulteriormente un luogo di notevole rilevanza storico-artistica, ponendosi in una collocazione studiata: sotto il pulpito del Cenacolo del Ghirlandaio, in Borgo Ognissanti, a Firenze, dove è stata posizionata (Verbo) in occasione della XXV Edizione di Artour-o Il Must, nel 2017, nel cortile del Museo-Galleria Espositiva del Palazzo dei Principi di Correggio (Re), nel 2012, in occasione della mostra personale Contaminazioni (Tolleranza bianca), nel contesto naturale del parco di Villa Rovere a Correggio (Re), in occasione della rassegna gARTen, nel 2017 (Dialoghi). L’installazione viene sempre riproposta in luoghi rilevanti, cambiando la conformazione della struttura nella quale vengono assemblate le lettere per ricordarci la presenza fondamentale di questi codici linguistici che, correlati, grazie al linguaggio artistico, danno vita ad un tessuto di interconnessioni dinamico e sempre diverso, aperto a nuove contaminazioni e ad assumere nuove forme: come simbolo dell’interscambio culturale, infatti, nel 2014, viene posta nel chiostro interno nel Centro Espositivo SMS di Pisa, in occasione della collettiva IFITRY che vuole celebrare il frutto della collaborazione tra Italia e Marocco, sotto la direzione di Mostapha Romliche, in collaborazione con la Biennale Internazionale d’Arte di Casablanca, dove sono confluite le opere ospitate in Marocco presso il Centro d’Arte Contemporanea IFITRY di Essaouira nel 2004; oltre che all’ingresso del Museo Be.Go. Benozzo Gozzoli di Catelfiorentino (Fi), in occasione della mostra personale Alfabeti del sogno, nel 2014 (Memoria collettiva), all’interno palazzo storico sede della Banca di Consulenza Finanziaria IPIBI a Roma, in occasione della mostra personale Dialoghi, nel 2014, e, nel 2015, per l’omonima personale, nella hall dello spazio pubblico Rozet di Arnhem, in Olanda, centro focale della città, luogo di aggregazione e centro culturale molto attivo. 

COLOSSI ARTE CONTEMPORANEA
Corsia del Gambero, 16 
25121 Brescia
Porto Gabriele Rosa, 6 - 25049 Iseo
 
tel. +39 030 3758583 
cell. +39 338 9528261
info@colossiarte.it
Partita IVA 02650730985
 
orario di galleria: da martedì a sabato 10-12 / 15-19
domenica su appuntamento
lunedì chiuso

logo angamc