Questo sito utilizza cookies per gestire autenticazione, navigazione e altre funzioni.
Navigando questo sito ti dichiari favorevole all utilizzo di questi cookies sul tuo dispositivo.
Accetti i Cookies?

La monumentale testa di rinoceronte di Stefano Bombardieri in Corsia del Gambero

testa-rino-due testa-rino-uno
testa-rino-quattro testa-rino-tre

La monumentale testa di Rinoceronte dello scultore bresciano Stefano Bombardieri verrà presto posizionata in Corsia del Gambero, proprio di fronte agli spazi espositivi della galleria. Con la sua arcana e straniante presenza, è destinata a catturare gli sguardi di tutti i passanti. 

Da sempre attento al tema della scomparsa della biodiversità, l'artista (Brescia, 1968), che vanta due partecipazioni alla Biennale di Venezia, è noto in tutto il mondo per le sue installazioni di animali a rischio di estinzione sospesi nel vuoto, come quelle ospitate nel centro di Ferrara, in occasione della rassegna Faunal countdown, nel 2010, a Faenza, a Bologna, a Saint Tropez e a Potsdam. 

La sua arte si popola un bestiario contemporaneo che sembra paradossalmente dimenticarsi della sua pesante mole per essere sospeso tra cielo e terra con una levità surreale, comica e stupefacente. Poderose sculture di animali fanno la loro sconcertante apparizione nei centri storici delle città, creando inediti “urban safari”. Talvolta, li contraddistingue un contatore elettronico a led, una sorta di meccanismo a orologeria inserito per segnalare il numero di esemplari che separano la specie dall’estinzione, come quelli esposti nel 2009 a Pietrasanta in occasione della rassegna Animals’ Countdown. Si tratta di coccodrilli e rinoceronti sospesi a mezz’aria o appesantiti da un grosso bagaglio, gorilla, elefanti, tigri bianche, ippopotami, ma anche una balena trascinata da una bambina, oppure giganti camion container che si schiantano sul pavimento; a volte, le sue sculture assumono le sembianze di giganti malinconici come i lottatori di sumo, anch’essi appesi con la loro poderosa mole, vittime di contemporanei accidenti. Sono personaggi onirici che ci obbligano a confrontarci con la dimensione dell’immaginario infantile, ma anche con i paradossi e le contraddizioni della società contemporanea, come il bracconaggio e la deforestazione di cui sono vittime. I protagonisti delle opere di Bombardieri si divertono a sconvolgere la percezione con un audace e geniale tocco ironico grazie alle loro proporzioni. Dalla fine degli anni ’90 espone in importanti spazi pubblici come la GAM di Faenza, il Palazzo della Ragione di Verona, il MAR di Ravenna, il Deutsch museum di Belmont-sur-Lausanne e il Museo Michetti di Francavilla al Mare in Svizzera, realizzando monumentali installazioni di animali, come quelle poste al Museo del Parco di Portofino e alla Darsena di Milano, oltre che in Francia, Germania, Belgio, Grecia, Turchia, Libano e Stati Uniti. L’artista è presente alle principali rassegne a livello nazionale e internazionale: Art BaselArt MiamiArt Paris al Grand Palais, Art TorontoArt BrusselsBeirut Art FairArte Fiera BolognaSkulpturenparks a Traun, in Austria e la Biennale UMAM presso Le Chateau Musée Grimaldi di Cagnes-sur-Mer in Costa Azzurra.

COLOSSI ARTE CONTEMPORANEA
Corsia del Gambero, 16 
25121 Brescia
Porto Gabriele Rosa, 6 - 25049 Iseo
 
tel. +39 030 3758583 
cell. +39 338 9528261
info@colossiarte.it
Partita IVA 02650730985
 
orario di galleria: da martedì a sabato 10-12 / 15-19
domenica su appuntamento
lunedì chiuso

logo angamc