Questo sito utilizza cookies per gestire autenticazione, navigazione e altre funzioni.
Navigando questo sito ti dichiari favorevole all utilizzo di questi cookies sul tuo dispositivo.
Accetti i Cookies?

Estetica_Tecnologica

Dal 28 marzo al 14 aprile 2009

Villa Mazzotti, Chari (Brescia)

Sabato 28 marzo 2009 la Galleria Colossi Arte Contemporanea rinnova l'appuntamento annuale con il suo pubblico, inaugurando la grande esposizione ESTETICA_TECNOLOGICA presso la splendida cornice di Villa Mazzotti, ampio spazio pubblico alle porte di Brescia che ad ogni primavera il Comune di Chiari apre all'arte contemporanea.

Fin dal titolo della mostra, dedicata all'opera di quattro artisti di fama internazionale – Franco Angeloni, Eros Bonamini, Maurizio Galimberti e Adolfo Lugli – l'intento è quello di analizzare il rapporto fra estetica e tecnologia che ha attraversato tutta la storia dell'arte negli ultimi due secoli, il confronto fra l'aspetto tecnico e quello immaginativo dell'arte, fra l'ideale della forma e la necessità della struttura, l'unicità del modello e la sua riproducibilità tecnica.

Cosa accade quando, con l'avanzare dei processi scientifici e tecnici, l'arte stringe patti col demone tecnologico, accogliendo le sue lusinghe meccaniche, travestendosi con le sue maschere elettroniche, parlando i suoi linguaggi telematici? E di conseguenza anche le nostre facoltà immaginative, il nostro senso estetico, sempre più spesso accolgono e necessitano di protesi tecnologiche, prolungamenti elettronici per leggere il mondo e l'arte che nella realtà nasce, agisce e s'immerge, anche quando pare rifiutarla?

Il problema scoppiò negli anni Sessanta e proseguì nel decennio successivo, coinvolgendo critici, filosofi e storici, pubblico e artisti. C'è stato chi ha parlato di morte dell'arte, evidenziando il pericolo dell'assorbimento onnivoro della creazione artistica da parte della tecnica. C'è stato chi ha provato ad evidenziare i volti tecnologici di una nuova estetica.

Leggi tutto: Estetica_Tecnologica

Tino Stefanoni. Ironia poesia e così sia

Dal 17 gennaio al 10 marzo 2009 

La Galleria Colossi Arte Contemporanea inaugura il nuovo anno con una grande mostra dedicata ad uno dei più coerenti rappresentanti dell'arte visiva del Novecento: "Tino Stefanoni. Ironia, poesia. E così sia".

Attraverso l'opera di un grande artista, capace di rinnovare il suo linguaggio pittorico con una ricerca che in sè riunisce l'elemento rappresentativo all'astrazione concettuale, Daniele e Antonella Colossi intendono lanciare l'ennesima provocazione al mondo dell'arte contemporanea: dopo le mostre dedicate a due maestri dell'ironia e della trasgressione, Aldo Mondino e Francesco De Molfetta, ecco "la trasgressione per eccellenza", dicono, "parlare, oggi, di pittura, presentando un grande artista figurativo, o meglio una sorta di meraviglioso dinosauro sopravvissuto al diluvio tecnologico della nostra epoca".

copertina_tino

Leggi tutto: Tino Stefanoni. Ironia poesia e così sia

raccontALDO MONDINO - Francesco De Molfetta. Fiato sprecato

 

Dal 27 settembre al 28 novembre 2008

La Galleria Colossi Arte Contemporanea inaugura la stagione autunnale…raddoppiando.

Saranno infatti due le grandi mostre personali, allestite rispettivamente nella prima sede, al numero 13 di Corsia del Gambero, e nella seconda, di fronte, al n. 12. Due Grandi mostre, dedicate a due importanti protagonisti dell’arte contemporanea: Aldo Mondino e Francesco De Molfetta.

“RaccontALDO MONDINO”, questo il titolo della mostra dedicata ad uno dei protagonisti più complessi ed eclettici dell’arte contemporanea dagli anni Sessanta agli anni Novanta del Novecento, instancabile sperimentatore di linguaggi, anticonformista esponente ora di una Pop Art tutta italiana, ora di una ripresa dada-surrealista rivista alla luce delle ricerche concettuali.

“Francesco De Molfetta, Fiato sprecato” è invece il titolo della mostra dedicata al giovane artista che la Galleria Colossi Arte Contemporanea segue da oramai più di tre anni: già affermato a livello internazionale, la sua opera ha saputo, con raffinata ironia, riprendere e stravolgere molte delle “questioni sospese” dell’arte contemporanea del Novecento, a partire, proprio, dalle correnti dada e surrealiste sulle quali si è formato lo stesso Mondino.

Amate, approfondite, promosse ed accuratamente presentate dalla Galleria nel corso di diversi eventi espositivi, le opere dei due artisti si sono più volte “parlate”, grazie ai diversi punti di contatto, ai giochi linguistici, ai legami concettuali che vi si riscoprono ogni volta sempre più numerosi e sottilmente intrecciati.

flyer demolfetta

Leggi tutto: raccontALDO MONDINO - Francesco De Molfetta. Fiato sprecato

Andy Warhol. Ladies and Gentlemen

Dal 7 giugno al 30 settembre 2008

Catello Scaligero, Sala della Residenza Scaligera, Malcesine (Verona) 

Nell’affascinante cornice del Castello Scaligero di Malcesine, una grande mostra dedicata ad uno dei maggiori protagonisti dell’arte contemporanea: Andy Warhol.

Fondatore della Pop Art americana, l’artista sarà infatti presentato al pubblico attraverso la serie intitolata “Ladies and Gentlemen”: realizzata nel 1975, l’opera si compone di dieci serigrafie che hanno per ritratto dieci volti di travestiti neri, anonimi protagonisti della società del benessere e degli eccessi di cui Andy Warhol seppe essere fra i maggiori “cantori” e rappresentanti.

Perfetti sconosciuti, attentamente scelti, fotografati, dipinti e soprattutto trasformati dall’artista con un intervento pittorico vistoso, fatto di pesanti segni grafici e larghe pennellate di colore spesso indifferenti ai contorni del soggetto. Dieci ritratti capaci di raccontare la storia di un artista e di un’epoca. O meglio, dell’artista che, forse più di ogni altro, ha saputo rappresentare un’epoca: gli anni Sessanta e Settanta, negli Stati Uniti d’America.

Fu proprio nello stesso anno in cui videro la luce i suoi “Ladies and Gentlemen” che l’artista pubblicò anche la “Filosofia di Andy Warhol”: un diario autobiografico, ma anche il miglior testo critico con il quale addentrarsi nella sua opera, e quindi nel suo pensiero e nella sua vita. È in queste pagine che egli stesso descrive questi dieci volti come “la testimonianza vivente di come un tempo volevano essere le donne, di come qualcuno le vuole ancora, e di come alcune di loro vogliono essere ancora…archivi ambulanti della femminilità ideale…”.

copertina_warhol

Leggi tutto: Andy Warhol. Ladies and Gentlemen

Automobile-autonobile

Dal 10 maggio al 29 giugno 2008 

Sabato 10 maggio 2008 la Galleria Colossi Arte Contemporanea darà il via ad una corsa mozzafiato fra le piste straordinarie dell’arte e le curve strepitose dei suoi linguaggi espressivi. AUTOMOBILE-AUTONOBILE: questo il titolo dell’intrigante esposizione che Daniele e Antonella Colossi hanno da tempo sognato e progettato, selezionando opere ed invitando artisti chiamati a realizzarle per l’occasione.

Una grande mostra, la cui inaugurazione non poteva non cadere in concomitanza con l’inizio delle MilleMiglia, avvenimento automobilistico di fama internazionale che proprio nella città di Brescia nasceva quasi un secolo fa, ed ogni anno si rinnova con uguale successo.

Per una Galleria da sempre avvezza alle sfide, capace di ideare ed allestire esposizioni innovative, mai scontate, non poteva esserci tema migliore, se non quello dell’automobile, al quale ispirarsi per la realizzazione di una grande mostra composta da oltre cinquanta opere appartenenti ad artisti di quattro generazioni, dagli anni Sessanta ad oggi.


Scarica la cartina dell'evento in formato PDF

Leggi tutto: Automobile-autonobile

CHIARImenti

Luce arte industria

Arteinsegna 3

Dall'8 marzo al 20 aprile 2008 

Villa Mazzotti, Chiari (Brescia)

Si inaugura Sabato 8 marzo 2008 la nuova, ambiziosa esposizione “CHIARIMENTI luce arte industria”, nella splendida cornice di Villa Mazzotti a Chiari (Brescia).

Attraverso il gioco di parole e le allusioni suggerite dal titolo, intende “fare chiarezza”proprio sullo stretto legame fra che, soprattutto a partire dal Novecento, la creazione artistica ha intrecciato ed indagato nei confronti della luce, del suo impiego e del suo significato, delle sue forme e delle sue funzioni semantiche. Da questo primo ambito di riflessione scaturisce anche l’analisi nei confronti dei nuovi apporti che la scienza e la tecnologia, la produzione industriale e aziendale hanno offerto all’espressione artistica in vista di un potenziamento dei suoi mezzi formali e di una trasformazione delle sue funzioni nei confronti del pubblico e della critica.

Medium formale per eccellenza, appunto, la luce artificiale: basti pensare alle esaltate ipotesi di ricostruzione “luminosa” dell’universo futurista, ai giochi di luce delle città della Modernità, fino ai Manifesti di Lucio Fontana dove l’artista dichiarava la nascita di una “…arte spaziale, per ora, neon, luce di Wood, televisione, la quarta dimensione ideale dell’architettura…si va formando una nuova estetica, forme luminose attraversano gli spazi…”

L’esposizione intende focalizzare l’attenzione sulle ricerche artistiche a partire dal secondo dopoguerra, spingendosi fino alle esperienze contemporanee.

Dalla creazione di oggetti ed opere luminosi, alla progettazione di veri e propri ambienti ed environment fino all’estensione di tali ricerche nel contesto urbano, i percorsi-divagazioni-incontri di CHIARIMENTI prendono il via dalle pionieristiche ricerche e sperimentazioni ottico-percettive e fisiche-motorie avviate negli anni Cinquanta da Bruno Munari e dall’arte programmata con l’uso di luci polarizzate e percorsi di luce.

Leggi tutto: CHIARImenti

In caso di nebbia

Dal 29 novembre 2009 al 14 gennaio 2009

Guidare con prudenza, si dice. Soprattutto quando la nebbia si muove a banchi, s’infittisce a tratti e d’improvviso inganna lo sguardo e la mente.

E quando la nebbia investe il mondo dell’arte contemporanea? Che fare?

Cercare di districarsi dalle sue fitte nubi che impediscono di vederci chiaro: è una nebbia pericolosa, infatti, quella odierna, che tenta di coprire la storia, mente sulle vicende passate e inquina infine le strade creative del presente; è una nebbia ingannatrice che butta negli occhi di chi vorrebbe conoscere i luoghi e i tempi dell’arte contemporanea quotazioni ingiustificate, aste record, nomi e attribuzioni privi di alcuna verifica storica e critica.

Ci avvolgerà, questa nebbia?

flyer nebbia

Leggi tutto: In caso di nebbia

Roberto Malquori. Effetto pop

Dal 1 dicembre 2007 al 25 gennaio 2008  

Sabato 1 dicembre 2007 la Galleria Colossi Arte Contemporanea, nella nuova, luminosa sede di Brescia in Corsia del Gambero n. 13 inaugura l’esclusiva mostra personale, e per la prima volta antologica, dedicata ad uno dei maestri della pop art internazionale: Roberto Malquori.

Fiorentino, classe 1929, l’artista è attivo fin dal 1963, quando la Biennale veneziana della Pop Art americana e del premio a Rauschenberg doveva ancora venire, firmando le sue opere di straordinaria modernità “Iconosfere”, “Computer” e “Interrelazioni”, ed entrando nel Gruppo 70 di Pignotti e Miccini.

copertina_malquori

Leggi tutto: Roberto Malquori. Effetto pop

Strappi alla regola

Dal 29 settembre al 27 novembre 2007 

Un doppio, imperdibile appuntamento apre la stagione autunnale della Galleria Colossi Arte Contemporanea: il vernissage della mostra prestigiosa Strappi alla regola. François Dufrêne – Raymond Hains – Mimmo Rotella – Daniel Spoerri – Jacques Villeglé dedicata a cinque, affascinanti protagonisti del Nouveau Réalisme, e l’inaugurazione della nuova sede della Galleria, nel cuore pulsante di Brescia, al numero 13 di Corsia del Gambero.

È da questa posizione centralissima, che il pubblico potrà ammirare le opere dei tre affichistes francesi, archeologi della civiltà contemporanea, Hains, Dufrêne e Villeglè, dell’artista italiano per eccellenza, vero e proprio mito, Mimmo Rotella, e dell’intrigante “intrappolatore del tempo” Daniel Spoerri.

.copertina_strappi

Leggi tutto: Strappi alla regola

SOGNI REALIZZATI. Dai progetti di Christo e Jeanne-Claude alle IMMAGINI DI WOLFGANG VOLZ

 

Dal 5 maggio al 5 giugno 2007

Un appuntamento imperdibile per gli appassionati d’arte contemporanea e per gli amanti della fotografia d’autore: le sale della Galleria Colossi Arte Contemporanea si aprono infatti sui magici scenari creati dalle operazioni di “empaquetage” di Christo e della sua inseparabile compagna e collaboratrice Jeanne Claude.

Personalità di spicco del movimento del Nouveau Réalisme, intrigante esponente della Land Art, Christo da più di trent’anni opera sulla scena internazionale attraverso un linguaggio artistico unico ed inimitabile: l’impacchettamento di oggetti, dapprima, poi di monumenti e di contesti architettonici ed urbanistici noti, infine di paesaggi e luoghi naturali: alla ricerca di un “altro” modo di vedere le cose, con il sogno di renderle ogni volta nuove e diverse…attraverso un semplice, quanto geniale, tessuto che le avvolge.copertina_sogni

Leggi tutto: SOGNI REALIZZATI. Dai progetti di Christo e Jeanne-Claude alle IMMAGINI DI WOLFGANG VOLZ

COLOSSI ARTE CONTEMPORANEA
Corsia del Gambero, 16 - Brescia
tel. +39 0303758583 
cell. +39 3389528261
info@colossiarte.it
Partita IVA 02650730985
 
orario di galleria: da martedì a sabato
10 -12 / 15 -19
 domenica su appuntamento
 
lunedì chiuso

angamc 51991